Scoprire gli inganni e tornare a vedere la Grande Bellezza del disegno divino

All wars are bankers’ wars – prima parte

Comincio a pubblicare la traduzione del bellissimo articolo di Michael Rivero, “All war are bankers’ wars” (tutte le guerre sono guerre di banchieri) perchè, come già detto qui, mi è sembrato particolarmente bello ed efficace, nella sua sintesi. Per chi volesse approfondire suggerisco il documentario di Bill Still col suo The Money Masters”, ma vi avverto, sono quasi 4 ore di documentario!

 

%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

By Michael Rivero

So che molte persone hanno molta difficoltà a comprendere come molte guerre siano state originate unicamente dalla volontà di imporre banche centrali private ad una nazione, per cui lasciatemi fare alcuni esempi in modo che capirete perchè il governo USA sia coinvolto in così tante guerre in giro per il mondo. Vediamo prima gli antefatti.

Gli Stati Uniti avviarono la rivluzione Americana principalmente a causa della legge sulla moneta di re Giorgio III, che obbligava i coloni ad utilizzare unicamente banconote stampate dalla banca d’Inghilterra e prestate ad interesse. Dopo la rivoluzione, i nuovi Stati Uniti adottarono un sistema economico radicalmente diverso nel quale il governo emetteva moneta basata sul valore, in modo tale che le banche private come la Banca d’Inghilterra non potesse succhiar via la ricchezza della gente attraverso una moneta gravata di interesse.

 “Il rifiuto del re Giorgio III di permettere alle colonie di operare con un sistema monetario onesto, che liberasse l’uomo della strada dal potere dei creatori di denaro, fu probabilmente la prima causa delle rivoluzione.” Benjamin Franklin, Founding Father

Ma i banchieri non sono nulla senza il loro potere di acquisire le vostre ricchezze, e sanno anche fin troppo bene quanto facile è corrompere i capi di una nazione. Solo un anno dopo che Mayer Amschel Rothschild ebbe pronunciato il suo famigerato “Lasciatemi emettere il denaro di una nazione e me ne infischio di chi ne fa le leggi”, i banchieri riuscirono a creare una nuova banca centrale privata chiamata the First Bank of the United States, in buona parte grazie al supporto del principale supporter dei Rotschild negli USA, Alexander Hamilton. Fondata nel 1791, per la fine del suo mandato ventennale aveva quasi completamente rovinato l’economia della nazione, arricchendo i banchieri. Il Congresso si rifiutò di rinnovare il mandato e annunciò l’intenzione di tornare ad una moneta di stato basata su valore sulla quale nessun cittadino dovesse pagare alcun interesse ad un banchiere.

Questo portò ad una minaccia da parte di from Nathan Mayer Rothschild contro il governo USA: “O garantite il rinnovo del mandato, o gli Stati Uniti si troveranno invischiati in una guerra disastrosa”. Il Congresso continuò a negare il rinnovo del mandato alla First Bank of United States, e Nathan Mayer Rothschild tuonò: “Date una lezione a quegli imprudenti degli americani! Ricacciateli indietro allo stato di colonie!”. L’Inghilterra, finanziata dalla banca d’Inghilterra  controllata dai Rothscild, avviò la guerra nel 1812 per ri-colonizzare gli Stati Uniti e ricondurli nella schiavitù coloniale, o per riempirli di così tanto debito che avrebbero accettato una nuova banca centrale privata. E il piano funzionò. Sebbene la guerra del 1812 fu vinta dagli Stati Uniti, il Congresso fu costretto a concedere una seconda licenza di emettere denaro (prestandolo) per un’altra banca privata, chiamata the Second Bank of the United States. Ancora una volta, banchieri privati erano al controllo della fornitura di denaro, e se ne infischiavano su chi faceva le leggi o su quanti soldati inglesi o americani fossero morti.

Ancora una volta la nazione fu spinta nel debito, disoccupazione, e nella povertà a causa della depredazione da parte della banca centrale privata, e nel 1832 Andrew Jackson lanciò la sua campagna per il secondo mandato elettorale sotto lo slogan: “Jackson And No Bank!“. Fedele alla parola data, Jackson ebbe la meglio nell’impedire il rinnovo del mandato alla Second Bank of the United States.

“Signori! Ho analizzato attentamente le azioni della Bank of the United States. Miei uomini vi hanno osservato da vicino per un sacco di tempo, e io sono sicuro che voi avete usato i fondi della banca per speculare sulla nazione. Quando vincevate, vi dividevate i profitti fra di voi, quando perdevate, caricavate le perdite sulla banca. Voi ora mi dite che se io ritiro i depositi dalla banca e annullo il mandato manderò in rovina 10.000 famiglie. Sarà anche vero, signori, ma è colpa vostra! Se io vi lasciassi continuare, rovinerei 50.000 famiglie, e quella sarebbe solo colpa mia! Siete un covo di vipere e di ladri, sono deciso a cacciarvi, e, per l’Eterno (battendo il suo pugno sul tavolo) io vi caccerò!” Andrew Jackson, poco prima del termine del mandato della Second Bank of the United States.

Poco dopo che Andrew Jackson (l’unico presidente Americano in grado di ripianare il debito pubblico) terminasse il mandato della Second Bank of the United States, ci fu un tentativo di assassinio che fallì perchè entrambe le pistole dell’attentatore, Richard Lawrence, non funzionarono. Lawrence dichiarò in seguito che con Jackson morto ci sarebbe stata “maggior abbondanza di denaro”.

Ovviamente il sistema scolastico pubblico, sottomesso com’è ai desideri dei banchieri, si guarda bene dal dirvi la verità, così come i media delle corporations, sottomessi alla Monsanto, si guardano bene dal dirvi i pericoli degli alimenti OGM o, sottomessi alla nuova religione del riscaldamento globale, si guardano bene dal dirvi che negli ultimi 16 anni la terra si è effettivamente raffreddata. Quindi nessuna sorpresa che anche le vere ragioni della guerra civile non siano note all’americano medio.

Quando la Confederazione degli stati del Sud si separò dagli Stati Unit i banchieri intravvidero un’altra opportunità per una ricca raccolta di debito, e offrirono a Lincoln la possibilità di finanziarlo, per vincere la guerra di secessione, al 30% di interesse. Lincoln rispose che non avrebbe liberato i neri al prezzo di schiavizzare i bianchi e, con la sua autorità di presidente, fece emettere una nuova valuta, i green back. Questa era una diretta minaccia al potere delle banche centrali, che risposero immediatamente.

“Se questa abominevole politica finanziaria, che si sta creando in Nord America, dovesse prendere piede, alla fine quel governo provvederà al proprio denaro senza alcun costo. Pagherebbe i debiti e rimarrebbe libero dal debito. Avrà tutto il denaro necessario per i suoi commerci. Diventerà prospero come nessuno prima, nella storia. Le migliori menti e le ricchezze del mondo andranno in America. Quel paese va distrutto o distruggerà ogni monarchia del pianeta” Citato dal The London Times in risposta alla decisione di Lincoln di emettere da sè i greenbacks per finanziare la guerra civile, invece di aderire alla proposta di prestito di banchieri privati al 30% di interessi.

 Nel 1872 i banchieri di New York spedirono una lettera ad ogni banca negli Stati Uniti sollecitandoli a finanziare i giornali che si opponevano alla moneta emessa dal governo (i greenbacks di Lincoln).

“Cari signori: è raccomandabile che facciate tutto ciò che è in vostro potere per sostenere tali important quotidiani e settimanali… che si opporranno all’emissione dei greenback, e che ritirate i fidi o i prestiti a tutti quelli che non vogliono opporsi all’emissione governativa di denaro. Che il governo emtta le monete e le banche le banconote del paese. Ristabilire la circolazione di denaro emesso dal governo significherebbe fornire denaro alla gente, e questo intaccherà seriamente i vostri profitti personali come banchieri e concessori di prestiti”

Non bisogna lasciar circolare i cosiddetti greenback neanche per un periodo limitato di tempo, dal momento che non potremmo poi controllarli”

La schiavitù sarà probabilmente abolita a seguito della guerra, e la schiavitù dei beni mobili anche. Noi, io e i miei amici europei, siamo a favore di ciò: perchè la schiavitù non è altro che il possesso del lavoro e del lavoratore, mentre il piano europeo, condotto dall’Inghilterra, è per un controllo del lavoro col capitale, tramite il controllo degli stipendi. E QUESTO PUO’ ESSERE FATTO SOLO CONTROLLANDO IL DENARO.

– Tratto da Triuphan Plutocracy: ; the story of American public life from 1870 to 1920, by Lynn Wheeler.

 

Spinti dai banchieri private, la maggior parte dell’Europa sostenne la Confederazione contro l’Unione, con la prospettiva che la vittoria su Lincoln avrebbe significato la fine dei greenback. La Francia e l’Inghilterra ritenevano un loro diritto attaccare gli Stati Uniti per sostenere la confederazione, ma furono tenuti al palo dalla Russia, che aveva appena terminato il suo sistema servile e aveva una banca centrale pubblica simile a quella su cui erano stati fondati originariamente gli Stati Uniti. E così, senza l’intervento degli europei, l’Unione vinse la guerra, e Lincoln annunciò la sua intenzione di continuare ad emettere greenbacks. Dopo l’omicidio di Lincoln, i greenbacks vennero ritirati dal mercato per tornare ad una economia basata su banconote prestae ad interesse da banchieri privati.

Alla fine, nel 1913, i banchieri delle banche centrali private europee, in particolare i Rothschilds inglesi e i Warbugs tedeschi, si incontrarono con i loro collabotari finanziari americani a Jekyll Island, Georgia, per creare un nuovo cartello bancario con l’esplicita intenzione di formare la Third Bank of the United States, allo scopo di avere il pieno controllo dell’emissione mometaria statunitense, ancora una volta sotto il controllo di banchieri privati. A otivo delle ostilità precedenti, si decise di chiamarla “The Federal Reserve”, in modo da dare un’immagine quasi statale, ma in realtà sappiamo che è una banca privata, non più “Federal” di quanto non sia la Federal Express. Addirittura, nel 2012, la Federal Reserve potè opporsi ad una ingiunzione da parte di Bloomberg News basata sulla legge Freedom of Information sulla base del fatto che, essendo una banca privata, non è sottoposta a tale legge.

Il 1913 fu un anno decisivo per l’economia nazionale, prima con l’approvazione del 16simo enedamento, quello sulla tassa sui redditi  (“Income tax”) e con il falso storico della sua ratficazione (NDT: non fu mai ratificato).

“Credo che si andasse a guardare nelle carte, e si cercasse la ratificazione del 16mo emendamento, quello sulla tasse sui redditi, scoprireste che, di fatto, scoprireste che un numero insufficient di stati l’ha ratificato”” – U.S. District Court Judge James C. Fox, Sullivan Vs. United States, 2003.

Più tardi, nello stesso 1913, apparentemente per non rischiare un altro emendamento discutibile, il Congresso passò il Federal Reserve Act, durante le vacanze di Natale, mentre i membri del congresso contrari erano a casa. Questo fu un atto veramente subdolo, dal momento che la Costituzione investe esplicitamente il Congresso dell’autorità di emettere la valuta, non autorizza la sua delega, e pertanto avrebbe richiesto un nuovo emendamento trasferire quella facoltà ad una banca privata. Ad ogni modo il congrsso lo passò, e il presidente Woodrow Wilson lo firmò, coime aveva promesso ai banchieri che avevano finanziato la sua comampagna elettorale. In seguito Wilson si penstì di quella decisione.

“Sono il più infelice fra gli uomini. I am a most unhappy man. Ho rovinato involontariamente il mio paese. Una grande nazione industriale è ora controllata dal suo sistema creditizio. Il nostro governo non deriva da un pensiero libero, o dalla convinzione o dal volere della maggioranza, ma siamo governati dalla durezza e sfrontatezza di un piccolo gruppo di uomini dominanti.” — Woodrow Wilson 1919

 

L’anno successivo cominciò la prima Guerra mondiale, ed è importante sottolineare come prima della creazione della Federal Reserve non fosse stata una cosa come una “Guerra mondiale

federal

Allora, quanti ne devono morire, per forzare il nostro schemino di Ponzi in tutti gli altri stati?” – “Duecento milioni” – “Non male, per niente male”

La prima Guerra mondiale scoppiò fra il regno Austro-ungarico e la Serbia, ma si spostò rapidamente sulla Germania, la cui capacità industriale era vista come una minaccia dalla Gran Bretagna, che vedeva il declino della sterlina come conseguenza di un’enfasi troppo accentuata sulle attività finanziarie a discapito dell’agricoltura, dell’industria, delle infrastrutture (proprio come oggi negli Stati Uniti). Nonostante la Germania prima della guerra avesse una banca centrale privata, la sua attività era fortemente controllata e l’inflazione mantenuta a livelli accettabili. Sotto il controllo statale venivano garantiti gli investimenti finalizzati a svliluppi economici domestici, e la Germania era una delle principalòi potenze mondiali. Nei media del tempo la Germania era dipinta come il principale nemico nel primo conflitto mondiale, e non doveva solo essere sconfitta, ma la sua base industriale doveva essere rasa al suolo. A seguito del trattato di Versailles, la Germani fu costretta a ripagare i debiti di guerra di tutte le nazioni partecipanti, anche se, di fatto, non era stata la Germania a iniziare la guerra. Questi ammontavano a tre volte l’intero valore della Germania stessa!

La banca centrale privata tedesca, con la quale lo stato si era indebitato per far fronte ai costi di guerra, si liberò del controllo statale, creando inflazione incontrollata (perlopiù spinta da speculatori di valute), incatenando i tedeschi ad un debito eterno. Quando la repubblica di Weimar crollò economicamente, si aprirono le porte del potere ai nazionalsocialisti. La loro prima mossa fu quella di emettere moneta di stato non presa a prestito da banchieri privati. Liberati dal peso degli interessi sul denaro in circolazione, la Germania rifiorì e in breve tempo ricostruì la sua industria. I giornali lo definirono “il miracolo tedesco”. La rivista Time magnificò Hitler  per lo stupefacente progresso  nella vita dei tedeschi e per l’esplosione dell’industria, e lo nominò addirittura “Uomo dell’anno” nel 1938.

 

FINE PRIMA PARTE – CONTINUA

hitler

 

5 commenti

  1. Eliseo Eliseo
    28 marzo 2013    

    Gentili Signori, e se mi permettete, gentili amici, sono onorato ed entusiasmato di poter far parte di questo incontro di, diciamo così, amanti della Verità.
    Prego, gentili amici, leggete e rileggete con profonda attenzione ogni linea di questo articolo, di cui abbiamo appena visto la prima parte.
    la Germania Nazional Socialista, in soli 5 anni, 1933 – 1938, seguendo le direttive del ministro del tesoro Djalmar Schacht, che era un banchiere ebreo nominato da Hitler, pagò i pesantissimi risarcimenti di guerra, imposti a Versailles dalle potenze vincitrici, Inghilterra e Francia, aveva risanato l’inflazione colossale creata durante Repubblica di Weimar, rilanciò la produzione con la costruzione di strade e ferrovie e dell’automobile popolare, acquietò le lotte sociali dovute alla disoccupazione, promosse il commercio interno con l’uso di una obbligazione Mefo dello Stato che sostituiva la moneta (non dei banchieri privati), proibì la speculaziione finanziaria; promosse lo scambio commerciale con l’estero senza uso di moneta: praticando il baratto, importando materie prime e scanbiandole con manufatti tedeschi. l’errore di Hitler fu di entrare in guerra nel 1939, finanziato dalle grandi banche anglo americane, desideroso di rivincita e volendo ricostituire l’Impero che era stato frammentato in vari paesi con la sconfitta della prima grande guerra. Schacht era contrario all’entrata in guerra. Per questo fu messo da parte da Hitler. Schacht essendo banchiere fu assolto a Norimberga, mentre gli altri componenti del governo nazista furono impiccati (dai banchieri anglo-francesi).
    Questi fatti la storia non li dice. Hitler viene dipinto come un demonio dalla propaganda dei vincitori. Ma chi ama la Verità ha l’obbligo di andarsela a cercare per conto proprio.

  2. Aguglia Aguglia
    2 settembre 2013    

    Ed in tema di…”Cerca della Verità”…

    che è poi il…”Tema dei temi”…”centrale et cruciale”…
    ovverossìa,con altri,clari,due aggettivi,equipollenti…
    “assiale und polare”…e ci siam quindi ben capiti…

    ***************************************************
    devo qui pubblicamente ringraziar il Nostro+Elisèo!
    ***************************************************

    Per avermi suggerito,poche settimane or sono,ed era Augusto,
    quel video “You+Tube” della coppia…”Vitali++Pucciarelli”…
    che,fino a quel momento,mi era,ahimé,del tutto ignota…!!!

    Davvero formidabili,”Quei++Due”,ed…”esplosivi”…davvero,
    per chiarezza esplicativa…e mica gliela mandan a dire:
    Li consiglio quindi,a Tutti+Voi,e…”Buona+Visione”…!!!

  3. Aguglia Aguglia
    3 settembre 2013    

    “Gold und Geld”…”G & G”…!!!

    *******************************

    e Vi confesso che,a tutt’oggi…ahimé…
    non ci capisco una beata mazza…Amici miei!

    Vna cosa sola,però,so per certo,
    suggeritami dall’Intuito e dall’Istinto:

    ***************************************
    son davvero le due “cose” più profonde…
    fra tutte quante le innumerevoli
    “…cose profonde della Satàna…”
    ***************************************

    e,guarda caso,ma non certo per caso,caso strano,
    son,da tempo immemorabile,sin dalla…”Notte*dei*Tempi”,
    Monopolio*Assoluto della diabolica…”Satanerìa”…!!!

    Ma meno male che esiste un pregevole Sito qual questo…
    Sito che davvero si è guadagnato quel…”Nobil+Titolo”…
    che gli ho affibbiato…”Medìceo”…ad istruirci,ad hoc!

    E,checché ne pensi il nostro,troppo tenero e dolce,Dux…
    “Denaro & Moneta”…son davvero il…”Tema del temi”:
    “polare und assiale”…ovvero…”centrale et cruciale”…!!!

    Prova,prima ed ultima,questa,ne sìa…
    ché,altrimenti,non avrebbe sì tanto
    attirato l’Attenta***Attenzione della…

    **************************
    AttentiSSima…”Satanerìa”…..!!!!!
    **************************

  4. Aguglia Aguglia
    3 settembre 2013    

    “A.H.”…

    ***************************************************
    che s’illudeva di poter governar gli Eventi*Storici!
    ***************************************************

    poveraccio…l’attiraron in una…
    diaboliKa und sataniKa…”Trappola”…
    e lui ci cascò dentro,mala+mente,
    in bòna/màla fede che fosse,
    avendone oppur no piena contezza:

    ******************************************
    condannando così la Germania+Tradizionale
    +++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
    alla Fatal+Sconfitta+Finale…RIP…!!!
    ******************************************

    Prima ben ben lisciato,corteggiato ed adulato,
    da quei drittoni dei “Veci***Volponi” d’Vltra*Ozean,
    insuperabili “Maestri” d’Ipocrisìa ed Ingànno…

    +++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
    e non a caso pullulan,colà,le Sètte…”protestanti…!!!
    +++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

    che sempre devon aver poi di che “protestar”,ahiloro,
    contro qualcuno oppur qualcosa…ma che drittoni…
    HAHAHA…e che spudoratissimi buffoni…AHAHAH…!!!

  5. Aguglia Aguglia
    3 settembre 2013    

    “ET+und”…

    chiaro e palese mio “Omaggio” al…

    ++++++++++++++++++++
    Defùncto…ahiNoi…
    Sàkro+Sàncto+Impèrio
    “Romàno+Germànico”
    ++++++++++++++++++++

    con l’Auspicio,ET+und,l’Augurio,de tutto Kore,
    che,a breve,possa…a Dio piacendo…(sennò,nisba!)…
    resuscitare…alla faccia de ‘sta maledettissima

    ******************************************************
    “Satanerìa”…”laica and repubblicana and democratica”…!!!
    ******************************************************

No Pings Yet

  1. All wars are bankers’ wars – terza ed ultima parte | Ingannati on 29 marzo 2013 at 08:49
  2. Guerra alla Siria: veloce ripasso | STAMPA LIBERA on 29 agosto 2013 at 13:31
  3. Guerra alla Siria: veloce ripasso | takeredpill on 2 settembre 2013 at 08:26
  4. Netanyahu dice che può anche attaccare da solo l’Iran | Ingannati on 2 ottobre 2013 at 10:37
  5. Iran VS IsraHell, possibili scenari di guerra. - Page 33 - Stormfront on 2 ottobre 2013 at 17:11
  6. Tutte le guerre sono fatte dai banchieri – Integrale | AcateringVeg on 3 gennaio 2014 at 16:23
  7. Perchè ho la fissa del denaro – Alberto Medici | Lista Civica IMPEGNO COMUNE on 3 maggio 2014 at 13:08
  8. GUERRA ALLA SIRIA: VELOCE RIPASSO - VEJA.it on 25 luglio 2015 at 09:46
  9. GUERRA ALLA SIRIA: VELOCE RIPASSO - VEJA.it on 25 luglio 2015 at 09:46
  10. “Tutte le guerre sono guerre di banchieri” – “All war are bankers’ wars” | Sa Defenza on 17 maggio 2016 at 13:41

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie

Articoli recenti